XIX Premio Nazionale del Calcio Siciliano si è confermato un grande successo

Speciale II Gran Gala’ del XIX Premio Nazionale del Calcio Siciliano.

Gli ideatori ed organizzatori del Premio Nazionale del Calcio Siciliano, Claudio La Mattina, Fabio Prelati e Rosario Sallemi ancora una volta hanno fatto bingo.
Costretti a cambiare per il secondo anno consecutivo la formula a causa dell’inagibilita’ del teatro comunale “Vittoria Colonna” di Vittoria sede storica del Premio, malgrado tutto possono ritenersi soddisfatti.
Una serata elegante, che ha acceso i riflettori sulla bella Vittoria, dopo un anno di certosino lavoro, e grazie al supporto delle aziende che hanno sponsorizzato la kermesse per la diciannovesima volta hanno fatto centro.
La XIX edizione del Premio anche lunedì sera come detto ha regalato grosse emozioni grazie ai nomi eccellenti del calcio Nazionale e regionale presenti, uomini e donne del mondo del calcio legati ai ricordi di ieri ed alle vittorie recenti.
La serata magistralmente presentata da una coppia inedita composta dalla giornalista bergamasca Michela Persico e dal noto ex calciatore campione del Mondo 1982 Franco Causio , ha visto il suo inizio come di consuetudine con il patron Claudio La Mattina primo cerimoniere della serata che dopo aver ringraziato tutti per la realizzazione dell’evento ed i premiati quasi tutti presenti
all’ appello dell’organizzazione e dell’arbitro internazionale Paolo Casarin presidente onorario della giuria purtroppo assente per problemi personali, ha proceduto alla consegna del primo premio della serata previsto fra i 24 premiati scelti da una giuria qualificata.
Non è mancato di discutere e di leggere sulla brochure della serata di argomenti seri che sicuramente lo sport ed il calcio possono fare da volano come la campagna pubblicitaria contro AIDS dell’Azienda ASP 7 di Ragusa fortemente voluta in questo mese di dicembre dal direttore generale, l’ingegnere Angelo Aliquò.
Il primo premio è stato consegnato all’allenatrice della FC Juventus Femminile Rita Guarino quale miglior Allenatrice di Serie A 2018/19.
La seconda premiazione ha visto sul palcoscenico la madrina del premio, Chantal Guigard vedova di Stefano Borgonovo, centravanti goleador di Fiorentina e Milan, morto qualche anno fa dopo una sofferenza causata dalla SLA, malattia degenerativa.
La stessa dopo un bel intervento ha proceduto alla consegna del premio alla Carriera categoria allenatori 2019 ad Alberto Zaccheroni ex tecnico rossonero con cui ha vinto uno scudetto e tecnico a Udine del povero Stefano.
Ma, prima è stato raccontato dalla stessa Chantal corredato da fotogrammi del Premio alla Carriera categoria Calciatori 2019 consegnato a Caltanissetta all’ex capitano della Nissa Davide La Paglia affetto da Sla.
Franco Anastasi presidente della giuria ha premiato Omar Diop difensore ex Biancavilla e Pietro Iacono ex portiere del Canicattì entrambi valutati migliori Calciatori per la stagione sportiva uscente dei due giorni del campionato di Eccellenza.
Il tecnico siracusano Gaetano Auteri pluripremiato nelle passate 18 edizioni ha consegnato il premio a Roberto Venturato miglior allenatore della Serie B alla guida degli amaranto del Cittadella.
L’altro premio alla Carriera Categoria Calciatori 2019 assegnato al bergamasco Angelo Domenghini bandiera dell’Inter e del Cagliari è stato consegnato dal Presidente del C.R.S. Santino Lo Presti, che nel suo intervento ha profuso parole d’incoraggiamento nei confronti del tridente vittoriese che organizza la kermesse.
IL III Premio alla memoria di “Gianni Cosimo” dalle mani di Filippo Foresti già medico sociale del Club l’ha ricevuto il bomber Giovanni Pisano.
Gianni Mole’ giornalista vittoriese ha premiato Marino Bartoletti consegnandogli il premio alla carriera categoria giornalisti sportivi.
Dalle mani del direttore Marino Bartoletti ha ricevuto il premio giornalista sportivo siciliano dell’anno, Nunzio Casabianca capo servizi sportivi de La Sicilia di Catania.
Poi è stata la volta del Premio Dirigente Federale dell’anno, assegnato a Francesco Ghirelli esaustivo e brillante nel suo intervento, il Premio è stato consegnato dal dirigente federale, Sandro Morgana che ha rimarcato lo spirito positivo della manifestazione che sprona in positivo il mondo calcistico siciliano .
Fabio Prelati presidente dell’associazione organizzatrice ha consegnato il IV Premio Fair Play al C.T. della Nazionale Under 21 Paolo Nicolato.
Daniele Faggiano direttore sportivo del Parma ha ricevuto il premio Dirigente Italiano dell’anno per poi consegnare il premio a Roberto Boscaglia di miglior allenatore della Lega Pro per aver vinto nella passata stagione sportiva il campionato con l’Entella.
Luca Banti dalle mani della giovane promessa dei fischietti siciliani Enzo Carnemolla di Acate ha ricevuto il premio alla Carriera categoria Arbitri, invece a Massimiliano Irrati è andato il Premio miglior arbitro CAN A 2018/19 ed è stato Rosario Sallemi a consegnarlo l’altro organizzatore del Premio.
Altro premio emozionante è stato il premio dedicato alla memoria di Rosario La Mattina , pioniere degli allenatori del calcio Vittoriese, scomparso nel 2015.
Il Premio è stato consegnato da Padre Beniamino Sacco al tecnico marsalese Pasquale Marino.
Giacomo Randazzo ha ricevuto il Premio alla Carriera categoria Dirigenti dal noto imprenditore della Mondial Granit il dottor Giovanni Damigella da qualche edizione sostenitore della manifestazione.
Sara Benci di Sky sport premiata da Salvatore Cannata direttore di VR ed Alessandro Antinelli di RaiSport premiato da Roberto Gueli hanno arricchito l’albo dei giornalisti sportivi dell’anno.
Domenico Giacomarro ha ricevuto dall’ex primo presidente biancorosso della C1 Gino Puccia il premio miglior allenatore della Serie D, invece Pino Rigoli da Alberto Zaccheroni ha ricevuto il Premio per aver vinto la Coppa Italia di Lega Pro con la viterbese.
Salvo Utro vittoriese d’adozione ha ricevuto il Premio di miglior allenatore dei due gironi Eccellenza per aver vinto il campionato con il Marina di Ragusa. La carrellata dei premiati si è conclusa con il premio di miglior arbitro Siciliano consegnato da Irrati l’ha avuto assegnato il peloritano Alberto Santoro della CAN PRO.
Si spengono le luci, si cala il sipario e già si pensa all’organizzazione della prossima edizione, con la città di Vittoria che continuerà a premiare le vittorie e la storia del calcio italiano dimostrando ancora una volta una capacità organizzativa impeccabile e confermando a tutti che la Sicilia è l’isola più bella del mondo.

Share Button

Comments are closed.